I nostri marchi



ALCUNI CONSIGLI PER LA SCELTA DEL CLIMATIZZATORE

Condizionatore o climatizzatore?

Il condizionatore ha la funzione di regolare la temperatura rinfrescando o riscaldando gli ambienti, mentre il climatizzatore, oltre a regolare la temperatura, deumidifica, filtra e ionizza l’aria (ad esempio per limitare le allergie).

 

Portatile o fisso?

I climatizzatori portatili in generale sono meno efficienti degli split murali, principalmente perché per utilizzarlo occorre lasciare un po’ aperta una finestra della stanza per il passaggio del tubo di espulsione del calore e questo compromette la climatizzazione del locale. 

Inoltre in genere sono monoblocco, di conseguenza il motore si trova nella stanza da refrigerare, generando rumore e calore.

 

ON-OFF o inverter?

Inverter: l’apparecchio si attiva con una potenza maggiore di quella nominale, diminuendo la potenza man mano che la temperatura scende. Quando l’ambiente raggiunge la temperatura programmata, gli apparecchi non si spengono, ma continuano a funzionare al minimo per tenerla stabile. 

In questo modo il consumo è ridotto al minimo e la temperatura rimane pressoché costante.

ON-OFF: è una tecnologia quasi in disuso. Appena viene acceso, il condizionatore lavora alla massima potenza fino a quando è stata raggiunta la temperatura impostata, poi si spegne per riattivarsi quando la temperatura scende di alcuni gradi e ricomincia il ciclo.

La tecnologia utilizzata è molto semplice e meno costosa, ma ha un consumo elevato e una gestione della temperatura altalenante, con le fastidiose ventate nel momento di ON.

  

Casi particolari:

In alcuni casi si può utilizzare un unico climatizzatore per rinfrescare più stanze, magari installandolo in un corridoio adiacente.

In questo caso è meglio un condizionatore "on-off": questi apparecchi infatti, sebbene consumino più corrente, garantiscono un flusso costante di aria e non rallentano una volta che la temperatura nel corridoio si avvicina a quella impostata. In questo modo l'aria mantiene la spinta necessaria per arrivare alle stanze da raffreddare.

 

Calcolo della potenza necessaria:

La potenza di un climatizzatore si misura in BTU (British Termal Unit). Per calcolare la potenza ideale per un certo ambiente si calcola il volume della stanza da climatizzare e lo si moltiplica per 100.

Ad esempio se una stanza misura 6 metri di larghezza, 4 m di lunghezza e 3 m di altezza si avrà: 6x4x3x100=7.200 BTU.

Orientativamente si può considerare: 

• 9.000 BTU per una stanza di 25-30 mq

• 12.000 BTU per 35-40 mq

• 18.000 BTU per dimensioni superiori a 40 mq. 

 

Questo rapporto è valido se l'ambiente da climatizzare è unico e non eccessivamente caldo.

Per situazioni fuori standard è indispensabile chiedere il parere a un tecnico specializzato.

 

 

Rumorosità

La rumorosità di un climatizzatore è misurata in dB ed è indicata in etichetta. Per fare una scelta valida occorre considerare che la potenza sonora pari a 55 dB equivale al rumore emesso dal vento che attraversa le foglie.