I nostri marchi



Alcuni consigli per la scelta delLA CALDAIA

La scelta della caldaia per l'impianto di riscaldamento e la produzione di acqua per uso sanitario deve tenere conto di vari aspetti, tra cui il più importante è la tipologia di funzionamento, che incide su aspetti come il consumo e l'inquinamento atmosferico.

 

Il mercato delle caldaie sta valorizzando sempre di più le caldaie a condensazione, laddove sia possibile l’impianto, in quanto permettono risparmio energetico e minore inquinamento, in particolare in ambienti grandi e clima freddi: più è alto il consumo, più è alta la percentuale di risparmio che si ottiene.

Infatti la caldaia a condensazione recupera il calore di condensazione, cioè il calore contenuto nei fumi di espulsione, che corrisponde a circa l’11% del calore prodotto dalla combustione ed è detto calore latente. La caldaia a condensazione è caratterizzata da rendimenti termici molto buoni e produce ossido di azoto e residui inquinanti in bassa quantità (riescono ad ottenere emissioni di NOx e CO anche al 70% in meno rispetto alle caldaie tradizionali).

 

Occorre inoltre valutare se la caldaia deve essere installata all'esterno (con camera aperta) o all'interno (a camera stagna), e fare attenzione alla classe energetica (più è alta, meno consuma).

 

Quando si installa una nuova caldaia, è importante chiedere sempre il libretto di impianto che contiene sia le informazioni sul tipo di installazione e tutte le manutenzioni effettuate, sia i dati del proprietario, dell’installatore e del tecnico che esegue la manutenzione.

 

Ci sono poi delle agevolazioni fiscali per l’acquisto di una caldaia a basso impatto energetico. E’ possibile avere informazioni aggiornate sul sito dell'agenzia delle entrate